Coronavirus|6 attività creative da fare a casa con bambini di 5 o 6 anni

Mio marito e io siamo tra i fortunati che possono lavorare da casa grazie al cosiddetto “smart working”. Una possibilità non da poco questa, ma è anche vero, che se sei a casa con uno o più bambini, lavorare non è così semplice.

Per riuscire a stare al PC indisturbata/o ci sono diverse strategie. Le più facili sono videogiochi e TV a manetta, perché hanno il potere di tenere i bambini inchiodati davanti, ma non rientrano tra le soluzioni che vogliamo, quindi, vengono usate proprio se indispensabili (es. quando abbiamo delle call in contemporanea, cosa che succede raramente per fortuna).
Ecco perché sono le 23 e io sono qui che scrivo un post che sto rimandando da circa 10 giorni: il momento migliore per poter lavorare, infatti, è quello in cui dormono. Non ci sono tante vie di mezzo. Io cerco di mettermi al PC prima che si svegli al mattino e dopo che è andato a dormire e durante il giorno abbiamo iniziato a fare dei turni: un po’ lavora Andrea e io sto col bimbo e viceversa.

Chiaramente, i millemila giochi che invadono casa non sono sufficienti per lo svago e in casa riecheggiano come mantra frasi come “Ora a cosa giochiamo?” e “Non so a cosa giocare”. Fare qualche cosa in completa autonomia è assolutamente un’utopia che si verifica si e no ogni 2 giorni e ha la durata di qualche battito di ciglia.

Attività creative e nuove hanno sempre un ottimo appeal. Ecco quelle che abbiamo testato noi nei primi giorni a casa.

1. Il telaio

Occorrente:
1 scatola da scarpe
1 gomitolo di lana
1 forbice
1 stecco del gelato

Sui lati corti della scatola fai dei piccoli taglietti in verticale a distanza di 1 cm circa l’uno dall’altro. Prendi la lana e falla passare nelle fessure che hai fatto, facendo un nodino all’inizio del filo e uno alla fine dopo che hai fatto passare la lana in tutte le fessure (o in parte di esse).
Prendi un altro filo di lana e legalo intorno allo stecco del gelato (io ho fatto un buchino, facendolo passare attraverso in modo che fosse più fermo). Fine! Ora basta far passare lo stecco con il suo filo tra quelli che hai fatto passare nelle fessure della scatola: un filo sopra e un filo sotto. Se la lana legata allo stecco finisce, niente paura, tagliala, prendi un altro filo e annodalo a quello che hai appena tagliato e continua fino a che non raggiungi la lunghezza desiderata del “tessuto” che stai creando.

2. La pittura in centrifuga o Spin Art

Occorrente:
1 centrifuga per insalata
Colori a tempera
Acqua
1 piatto
Fogli di carta
Forbici
1 cucchiaino o delle pipette

Dai fogli di carta ricava dei cerchi che coprano il fondo del cestello della centrifuga. In un piatto metti un po’ dei colori a tempera e diluiscili con qualche goccia d’acqua.
Inserisci nel cestello della centrifuga uno dei cerchi di carta che hai ritagliato. Con un cucchiaino o delle pipette, prendi i colori diluiti e falli cadere sul foglio. Chiudi il coperchio della centrifuga e inizia a farla girare come quando asciughi l’insalata. Fermati e se hai raggiunto il risultato desiderato, tira fuori il foglio e mettilo ad asciugare, altrimenti, aggiungi altro colore e gira ancora.


Usando della tempera lavabile basterà poi lavare la centrifuga con acqua e detersivo per i piatti e tutto tornerà come nuovo. Io l’ho fatta lavare a Tommy così ha impiegato anche altri 5 minuti in un’altra attività.

3. Campana

Occorrente:
Washi tape
1 forbice
1 righello/metro

Un gioco del passato che si può fare in casa senza demolirla e che aiuta a fare un po’ di movimento. Tagliate il washi tape della misura giusta per fare 10 quadrati da disporre come il classico gioco “Campana”, ossia: i primi tre quadrati vanno uno sopra l’altro a mò di torre, il quarto e il quinto vanno affiancati, il sesto e il settimo uno sopra l’altro e l’ottavo e il nono di nuovo affiancati. Sempre con il washi tape disegnate all’interno di ogni quadrato il numero corrispondente.

Campana: il gioco rifatti in casa con washi tape
Credits: La casa imperfetta

4. Il labirinto

Occorrente:
1 coperchio di scatola da scarpe
1 forbice
1 taglierino
6 o 7 cannucce
Scotch
1 pallina/biglia

Fai un foro nel coperchio un po’ più grande del diametro della pallina/biglia. Con le cannucce fai un labirinto e fissa i pezzetti di cannucce al coperchio con lo scotch cercando di fare un percorso che non sia troppo facile, ma nemmeno troppo difficile.

5. Geoboard

Occorrente:
1 lavagna di sughero o un sottopentola di sughero tipo Heat di IKEA
degli elastici colorati
delle puntine da disegno

Disponi le puntine da disegno a una distanza di circa 1 cm l’una dall’altra in modo da creare tante file equidistanti. Fine. Il gioco consiste nel formare delle figure geometriche con gli elastici, fissandoli alle puntine. Puoi lasciare il gioco libero, oppure disegnare delle forme su dei foglietti di carta. Se hai degli elastici di diversi colori, disegna sulla carta le forme usando proprio i colori degli elastici. Ritaglia i fogli creando tanti foglietti uno per ogni forma che il bimbo/a dovrà copiare sulla geoboard.

Geoboard costruita con puntine e sottopentola Ikea
Credits: La casa imperfetta

6. Corsa di macchinine

Occorrente per 2 macchinine:
4 rotolini di carta della carta igienica
1 pezzo di cartone di recupero (es. un pezzo di una scatola di cartone)
8 fermacampioni
2 fili di lana lunghi un paio di metri
1 foglio di carta bianco
colla Pritt e Vinavil, forbici, taglierino, colori a tempera, pennarelli e phon

Prendi 2 dei rotolini e con il taglierino fai una fessura rettangolare, piegala da una parte per creare lo schienale e dall’altra come base per il volante. Colora il corpo delle due macchinine coi colori a tempera che hai scelto e metti ad asciugare. Dal cartoncino di recupero ricava 8 cerchietti del diametro di circa 3 cm e colorali di nero con la tempera. Dal foglio di carta, ricava 8 cerchietti di 2 cm di diametro circa. Lascia asciugare. Se la pazienza a casa tua è come quella a casa nostra, velocizza l’asciugatura con il phon.

Attacca i cerchietti bianchi sopra ai cerchietti di cartoncino neri e con l’aiuto di una puntina fai un foro. Con l’aiuto di una matita allarga un po’ il buco in modo che passi un ferma campione in ciascuna ruota. Sempre con la puntina e con la matita, fai 4 fori sul corpo delle macchinine (2 sul lato sinistro e 2 sul lato destro) e con l’aiuto del ferma campione, fissa le 4 ruote sul corpo della macchinina. Dal cartoncino ricava anche 2 cerchietti di circa 2,5 cm di diametro e disegnaci sopra un volante con un pennarello nero. Con l’aiuto di un goccio di colla Vinavil, attacca il volante alla macchinina.

Con il foglio di carta bianco ricava i decori da applicare alle due macchinine: il numero, eventuali fiammate, ecc. Incollale con la colla Pritt alle macchinine.

Fissa un’estremità di un filo di lana a un rotolino di carta igienica facendo un nodino e l’altra estremità a una delle due macchinine con un pezzetto di scotch. Fai la stessa cosa con l’altro filo e il quarto rotolino di carta igienica e la seconda macchinina.

Segna sul pavimento la linea di partenza e quella di arrivo e dai il via alla gara: chi riesce ad arrotolare il filo più velocemente sul proprio rotolino, riuscirà a far vincere la propria macchinina.

Sono tutte attività molto semplici e che non richiedono grandi preparativi. Cerca di farli coinvolgendo anche i bambini in modo che si godano anche la parte della creazione dell’attività. Non importa se poi il risultato non è perfetto come avrebbe potuto, perché loro ne saranno super fieri comunque…. e sì, non lo nego… se lavorano alla creazione, c’è anche il notevole valore aggiunto di tenerli occupati per più tempo 🙂

Mi raccomando, resta a casa!